Logo blu sottile

La metodologia LiHS

La maggior parte degli incidenti sul lavoro avviene a causa di uno o più comportamenti sbagliati, spesso dettati dall’inconsapevolezza, dalla distrazione o da abitudini scorrette: per ridurre gli infortuni è quindi essenziale sradicare i comportamenti tossici e diffondere quelli virtuosi.

Questo è il presupposto su cui si basa la metodologia Leadership in Health & Safety (LiHS), che individua nella leadership, formale e informale, l’elemento chiave per influenzare positivamente i comportamenti e instaurare una solida cultura della sicurezza nelle organizzazioni.

Creato e applicato a partire dal 2007 in Saipem, il metodo LiHS ha dimostrato di avere un impatto significativo sulle statistiche di sicurezza e, grazie alla sua flessibilità, è stato implementato negli anni in tante realtà aziendali, sempre con ottimi risultati.

Oltre a ricevere numerosi premi e riconoscimenti a livello internazionale, il metodo ha ottenuto anche la validazione scientifica del Centro Studi e Ricerche di Psicologia della Comunicazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Le attività LiHS

Leadership in Health and Safety Workshop

Il famoso workshop LiHS per attivare il processo di cambiamento culturale  a livello organizzativo attraverso un processo TOP DOWN. La metodologia di change management più efficace per i leader in salute e sicurezza.

Qual è l'obiettivo?

L’obiettivo del workshop è quello di implementare concretamente la metodologia Leadership in Health and Safety nell’organizzazione. È il primo passaggio di un programma completo di change management.

Quanto dura?

Il workshop occupa interamente una giornata.
(Possono essere previste erogazioni particolari a seconda delle necessità)

Chi partecipa?

Tutta la direzione aziendale a partire dal top management.

Facilitato da:

Davide Scotti, segretario generale di Fondazione LHS
Michele Dabergami
Darren Matkin
Neil Stockham

Champions Forum

Un workshop che ha come destinatari naturali sia i leader formali che i leader informali dell’organizzazione. Un’opportunità di ingaggio di persone che attraverso la loro azione, influenzano i comportamenti virtuosi che accelerano l’evoluzione culturale in salute e sicurezza.

Qual è l'obiettivo?

A completamento della strategia LiHS, o come sessione stand-alone, un momento specifico per l’implementazione “Bottom-Up” del processo di diffusione della cultura di sicurezza

Quanto dura?

Online sono previste due sessioni consecutive di un ora e mezza separate da mezz’ora di break

In presenza l’impegno per i partecipanti è di mezza giornata

Chi partecipa?

I preposti, i supervisori e i leader informali dell’organizzazione.

Facilitato da:

Davide Scotti, segretario generale di Fondazione LHS
Michele Dabergami

Choose Life

Un percorso motivazionale per aiutare le persone a scegliere uno stile di vita più salutare. All’interno dell’attività il pluripremiato film “Choose Life” fa da cornice a riflessioni personali, attività di gruppo e impegni concreti per scegliere ogni giorno di vivere una vita sana.

Qual è l'obiettivo?

Motivare le persone ad orientare positivamente le scelte che quotidianamente compiono per avere uno stile di vita più sano

Quanto dura?

Il workshop ha una durata di 2-3 ore.
È disponibile (su richiesta) anche un percorso di e.learning

Chi partecipa?

L’attività è rivolta a tutti.

Facilitato da:

Davide Scotti, segretario generale di Fondazione LHS
Michele Dabergami
Darren Matkin
Neil Stockham

Safety Speech

Uno speech di due ore ad alto coinvolgimento emotivo ricco di interazioni, storie e condivisione. Abbiamo varcato la soglia di un’epoca nuova, scopriamo come ancora di più oggi, la leadership nella salute e sicurezza sia necessaria per guidare le nostre persone nella direzione di una più consapevole e sana responsabilità sociale individuale.

Qual è l'obiettivo?

L’obiettivo del workshop è quello di riallineare il team sulla leadership in salute e sicurezza, elemento di fondamentale importanza in questo nuovo periodo storico.

Quanto dura?

La durata è variabile in funzione del tipo e del numero di partecipanti. È consigliata per i partecipanti una disponibilità di almeno 2 ore.

Chi partecipa?

Un team di progetto, un intero dipartimento o
trasversalmente il management aziendale, sono candidati ideali.

Facilitato da:

Davide Scotti, segretario generale di Fondazione LHS

Safety Day

Fondazione LHS ha sviluppato, accanto al percorso LiHS, momenti ad alto impatto emotivo da portare al centro dei safety day organizzativi.

Qual è l'obiettivo?

L’obiettivo dei Safety Day è quello di coinvolgere tutta la popolazione aziendale in un evento sulla leadership in salute e sicurezza. Vengono condivisi chiari messaggi sulla necessità di continuare il percorso verso una più matura cultura di salute e sicurezza e si guidano i partecipanti a vivere momenti di riflessione profonda e lavori di gruppo interattivi.

Quanto dura?

La durata è variabile in funzione del tipo di evento da realizzare. A partire da 2 ore fino a tutta la giornata.

Chi partecipa?

Tutti i membri dell’organizzazione.

Facilitato da:

Davide Scotti, segretario generale di Fondazione LHS

Vuoi saperne di più?

Le attività sono gratuite attraverso Fondazione LHS per le scuole e per gli eventi no-profit che ne fanno richiesta.
Contatta Fondazione LHS

Per portare questi eventi nella tua azienda
Contatta Saipem

Feedback dai workshop LiHS

Workshop di impatto. È molto utile per promuovere la cultura della sicurezza.

Pierpaolo

Ho apprezzato molto l’alto livello di interazione già dai primi momenti della sessione che l’hanno resa interessante facendo leva sulla curiosità e sul rapporto umano.

Mai noiosa o scontata, molto apprezzati tutti i video ed in particolare il racconto della storia di Davide, tanta umanità.

Insomma, se si è detto che: “non c’è cambiamento senza coinvolgimento” posso con certezza affermare che il coinvolgimento è stato totale.

Insomma, direi un successone, Bravi!

Carmine

Mi porto a casa la consapevolezza che, come abbiamo purtroppo avuto modo di provare, non bisogna mai sentirsi immuni da rischi più o meno visibili e consueti. Che da ogni situazione si può e si deve imparare per poter avere, in futuro e in altre occasioni simili a quella che stiamo vivendo, i “dati” necessari e l’approccio adeguato per gestirne le minacce. Che la leadership è importante anche e soprattutto se dà l’esempio, se “crede” in quello che fa o che chiede di fare al proprio team. Che nessun “costo” è più importante o più sostenibile rispetto al valore umano (o ambientale) che un gruppo, azienda o comunità che sia, ha a propria disposizione e con il quale (o nel quale) deve affrontare le sfide di tutti i giorni.

Davvero una iniziativa che spero possa avere un seguito.

Massimo

Molto chiaro e molto efficace. Mi ha aperto la mente.

Marco

È stata un’esperienza interessante, formativa e molto dinamica.

L’uso di video e l’esperienza vissuta in prima persona raccontata con pathos sono secondo me sistemi di comunicazione forti che lasciano un grande impatto nelle nostre coscienze.

 

Grazie di tutto

Mauro

Innanzi tutto vi ringrazio per l’esperienza fatta che mi ha dato modo di rapportarmi sul tema sicurezza con colleghi che credevo fossero “distanti” dalla  safety.

Dall’entusiasmo dei partecipanti ho percepito che la sicurezza è un argomento che in maniera trasversale sta permeando in tutti i settori aziendali.

Luca

Mi sento ancora di più parte integrante di un team forte e coeso che anche nei momenti più difficili riesce a mantenere una comunicazione efficace.

Motivazione ed entusiasmo fanno parte da sempre del nostro DNA ma oggi più che mai dobbiamo saperlo trasmettere. L’empatia è fondamentale.

Cosa porto a casa?…..si sono rafforzati in me 2 concetti:

La consapevolezza che questo è un momento di forte cambiamento ma anche la convinzione che per l’ennesima volta faremo del cambiamento un’opportunità.

Penso che la metodologia utilizzata sia stata molto valida.

Stefano

E’ stata un’esperienza molto piacevole, alternativa e coinvolgente.

Mi sento di dire questo, “prendendo in prestito” un concetto espresso nella normativa sulla privacy: l’esperienza ha contribuito a rafforzare la consapevolezza che la sicurezza va considerata oggi “by design” e “by default” nella strutturazione e riorganizzazione dei processi aziendali, in tutte le direzioni possibili. Grazie per averlo fatto nella vostra maniera.

Daniele

L’argomento sicurezza è talmente importante e centrale nella nostra vita, non solo lavorativa, che parlarne non è mai abbastanza.

Sicuramente siete stati capaci di creare un contesto di interazione e avete mantenuto un buon livello di attenzione ed interazione da parte di tutto il team.

La lesson che mi porto a casa è che definitivamente dobbiamo lavorare per creare una “cultura della sicurezza” in tutti i contesti della nostra vita, lavoro, famiglia, società…. Perché sicurezza significa innanzitutto rispetto per la vita, delle persone, l’ambiente ed in definitiva dare il giusto valore a tutte le attività umane.

Questo risultato si ottiene solo facendo capire a tutti che la sicurezza è un valore (oltre che un diritto) per cui dobbiamo parlarne sempre, trovando dei veicoli di comunicazione efficaci. In quest’ottica il leader assume un ruolo centrale non solo come veicolo di messaggi, ma soprattutto come modello ed esempio di applicazione concreta dei comportamenti virtuosi da tenere.

A tendere ciascuno di noi deve diventare un “leader nella sicurezza”

Pietro

La sessione è stata una buona opportunità di condivisione da cui sono emersi interessanti spunti di riflessione su un argomento assolutamente attuale; riflessione personale che è proseguita anche dopo la chiusura della sessione e proseguirà nei prossimi giorni/mesi, che ci indurrà (e deve essere così) a cambiare i nostri comportamenti in molteplici ambiti, lavorativi e non.

Daniele

Cosa sono riuscita a portare a casa?

“La convinzione che da sola fai poco, anche se a volte anche il poco può bastare per evitare il peggio. Quindi non mollare mai e cerca di portare avanti i tuoi ideali”

Potenza

Ho apprezzato la vostra capacità, e quella di Scotti, di interagire da subito con i partecipanti facendo scattare una scintilla nel racconto iniziale dell’incidente: quella mano del pompiere messo sulla spalla di Scotti, rimarrà a lungo un’immagine evocativa forte che ci farà riflettere. 

Gianguido

Direi una bellissima esperienza, conoscevo Davide come grande comunicatore di un cambiamento culturale e con le attività della fondazione ed il movimento Italia loves sicurezza,  anche noi del gruppo EHS nel nostro piccolo stiamo cercando di trasferire a tutte le nostre persone quel senso di responsabilità che nasce da cuore.

Nel suo  intervento, pieno di contenuti, ci ha dato una visione attenta e puntuale di una leadership moderna e fondamentale in questi periodi complicati, tante delle sue parole rimarranno utili per molti di noi.

Mi porto a casa una consapevolezza , ora più che mai, abbiamo la possibilità di costruire un dopo che sia migliore di quello di prima, sicuramente fatto da una elevata sensibilità-responsabilità ed una forte determinazione.

Daniele